La nutrizione nello SPORT agonistico ed amatoriale

        medicina-dello-sportimages

“L’attività fisica, la prestazione sportiva e la fase di recupero dopo l’esercizio sono favorite da una alimentazione ottimale.
Raccomandiamo una appropriata selezione degli alimenti e delle bevande, della distribuzione oraria degli apporti, e della scelta, degli integratori per un ottimale stato di salute e per la prestazione fisica.”

American Dietetic Association, Dietitians of Canada, American College of Sports Medicine – Position Statement, 2000

“La dieta adeguata (quantità e qualità) prima, durante e dopo l’allenamento e la gara ottimizza la prestazione”

International Consensus Conference, Losanna 1991

1345 Sport England

Coloro che praticano attività fisica in maniera regolare hanno sicuramente esigenze nutrizionali specifiche, ben diverse dalle persone che al contrario adottano uno stile di vita sedentario.

Al di là di un aumento (intuibile) del dispendio energetico giornaliero, la nutrizione dello sportivo necessita di attenzioni particolari legate al tipo di sport praticato (sport di lunga durata o di resistenza, sport di potenza, sport misti …), alla frequenza ed alla intensità degli allenamenti (atleta d’élite, atleta professionista, atleta amatoriale …), agli obiettivi da raggiungere a breve o lungo termine (preparazione ad una gara, miglioramento della performance, aumento della massa muscolare, dimagrimento, tonificazione …).

Una adeguata alimentazione deve inoltre tener conto dello stress ossidativo che lo sport praticato ad alta intensità induce nell’organismo, e deve pertanto prevedere il consumo di alimenti che favoriscano un efficace recupero fisico fra una seduta di allenamento e l’altra.

I vantaggi di una corretta alimentazione derivano, infine, anche  dal cosidetto “timing” dei nutrienti, ovvero sia da un approccio dietetico che offre informazioni circa l’importanza di consumare i pasti e gli spuntini con i giusti orari, prima durante e dopo la pratica sportiva.

Attraverso le valutazioni plico antropometriche e la bioimpedenziometria è possibile tenere sotto controllo i parametri nutrizionali più importanti per lo sportivo, monitorando ad esempio la composizione corporea, in termini di massa magra e massa grassa, e lo stato di idratazione, un’altra variabile fondamentale e predittiva delle performance atletiche.

Dott. Marco De Robertis